AF56 - COSTRUIAMO UNA SCUOLA ELEMENTARE A OUTIVOU IN TOGO
COSTRUIRE UNA SCUOLA E' COSTRUIRE L'AVVENIRE DEI BAMBINI.

L'ambiente del progetto si situa in una zona agricola e riguarda gli alunni (7-13 anni) del villaggio di Ountivou nella prefettura d'Ogou in Togo. Ountivou è un piccolo villaggio di circa tremila abitanti a 65 km, in direzione Sud-Est, dalla città di Atakpame.

 

E' un ambiente isolato dove la prevalenza della povertà è molto elevata. L'agricoltura costituisce la principale sorgente economica e concentra da sola il 69% della popolazione. Sono pochi quelli che s'impegnano per l'allevamento o l'artigianato per mancanza d'informazione e di mezzi finanziari. Vi si pratica un'agricoltura di sussistenza con degli strumenti molto precari (zappa e grandi lame).

In questi ultimi anni, l'irregolarità delle stagioni, legata alle anomalie climatiche, colpisce durante la redditività delle culture agricole. Le raccolte diventano sempre più magre e questo complica ancora di più la povertà della gente.

Ountivou appartiene alla zona culturale Adja nel bacino del fiume Mono. In questa zona troviamo delle famiglie super popolate di bambini, realtà difficili da gestire da parte dei genitori.

Queste situazioni di povertà crescente e il gran numero di bambini nelle famiglie intaccano la loro educazione sia sul piano sociale che scolastico. Molti ragazzi sono abbandonati a se stessi o a carico delle loro mamme che, difficilmente, arrivano a nutrirli e a mandarli a scuola.

L'IMPORTANZA DEL PROGETTO:

A Ountivou, ci sono molti giovani che non sono andati a scuola o che l'hanno abbandonata per mancanza di mezzi finanziari o di motivazioni, o semplicemente dissuasi dai loro genitori che ne approfittano per i lavori campestri. Il ceto femminile è il più colpito dal fenomeno dell'analfabetizzazione per il fatto che si pensa che la donna è fatta per la casa e niente più.

Ai nostri giorni, comunque, ancora un gran numero di ragazzi (circa il 40% della popolazione giovanile) è analfabeta. Quando sono più grandi, nella loro ricerca di benessere, scelgono di emigrare verso i paesi dell'area dell'Africa Occidentale, in particolare , la Nigeria, dove vengono sfruttati nelle piantagioni agricole. Queste partenze di adolescenti dalle zone rurali che si ripetono in continuazione, disorganizzano la vita sociale e costituiscono un fallimento collettivo. La maggior parte dei giovani ritornano senza soldi, a volte feriti (con qualche amputazione) o, ancora, con malattie spesso mortali. Quale futuro per questo ambiente?

La scuola resta una soluzione insostituibile.

fino al 1998, Ountivou non aveva che una sola scuola elementare pubblica, che accoglieva non solo i bambini del villaggio ma anche quelli del circondario causando un numero eccessivo di alunni nelle classi complicando, cosi il ruolo educativo degli insegnanti.

Per cercare di risolvere il problema, la Chiesa Cattolica, su iniziativa di alcuni genitori, aveva aperto una seconda scuola nel 1998. Da allora, le richieste fatte presso le autorità competenti per costruire alcune aule sono rimaste senza risultato. L'insegnamento si fa sotto dei capannoni circondati da nervature di palma. Qeust'anno, gli alunni sono 158 di cui 32 al sesto e ultimo anno. E' davvero triste vedere questi ragazzi in mezzo alla sabbia esposti ai rischi del vento e della pioggia.

 

A qusti bisogni essenziali se ne aggiungono altri quali il materiale didattico e scolastico, i banchi, i sanitari, un pozzo, e se possibile, l'istallazione di pannelli solari per dare luce agli ambienti.

 

Per mancanza di sanitarri i ragazzi vanno nel bosco compromettendo l'igene dei luoghi e la loro stessa salute. I sanitari si rendono quindi necessari. Come la perforazione di un pozzo risolverà il problema dell'acqua. I ragazzi oggi devono percorrere una decina di chilometri per trovare l'acqua.

Questo progetto prevede:

sei aule, una biblioteca, quattro bagni (due per le ragazze e due per i ragazzi), cento banchi di scuola (due alunni per banco), sette tavole con rispettive sedie per i docenti, perforazione di un pozzo, installazione di un piccolo sistema d'energia solare per dare luce agli ambienti scolastici, sussidi per la creazione di una biblioteca.

 Gli abbiettivi del progetto:

- favorire l'educazione e accrescere il tasso di scolarizzazione dei ragazzi del villaggio;

- alleggerire le spese scolastiche dei genitori;

- ridurre il tasso di descolarizzazione percoce nell'ambiente agricolo;

- aiutare gli alunni a migliorare i risultati scolastici;

- prevenire i rischi legati allo stato precario dei capannoni/aule;

- lottare contro l'emigrazione degli adolescenti;

- partecipare allo sviluppo rurale.

 

COSTI PER REALIZZAZIONE DELLA SCUOLA:

DESCRIZINE QUANTITA' COSTO TOTALE
AULE E UFFICIO

6 AULE

1 UFFICIO

40.000 EURO
BIBLIOTECA 1 5.000
WC 4 8.000
TAVOLI E BANCHI

100 TAVOLI CON SEDIE

7 TALOLI E SEDIE

3.000
PERFORAZIONE POZZO 1 4.000
SISTEMA ELETTRICO NELLA SCUOLA 1 6.000
SUSSIDI PER LA BIBLIOTECA   2.000
IMPREVISTI / VARIE DE EVENTUALI   2.000
TOTALE
70.000

 

LA COSTRUZIONE E' INIZIATA:

    

Ora un momento di gioia, finalmente e la gente del posto è sicura, la scuola si stà realizzando.

  

Ma il lavoro continua..

 

Per contributi (donazioni liberali) ci si può servire di queste indicazioni:

Bonifico bancario presso Banca Etica 

Intestato a: Fondazione Nigrizia Onlus

IBAN: IT 93 H050 1812 1010 0000 0232 402

Causale:  Progetto AF56 - SCUOLA ELEMENTARE A OUTIVOU IN TOGO

Oppure con il conto corrente postale numero: 7452142

Intestato a: Fondazione Nigrizia Onlus

Le vostre offerte sono detraibili/deducibili fiscalmente

_______________________________________________________________________________________

IL TUO 5X1000 A FONDAZIONE NIGRIZIA ONLUS CODICE FISCALE 93216840236

TANTO ABBIAMO FATTO GRAZIE AL TUO AIUTO E TANTO POSSIAMO ANCORA FARE CON IL TUO AIUTO.