SUDAN: Comboni al computer
L'obiettivo è di contribuire a finanziare l'apertura di un laboratorio di computer nella Scuola secondaria "Daniele Comboni" di Port Sudan (Sudan), gestita dai missionari comboniani, presenti nella città dal 1905. I due comboniani responsabili della parrocchia del Sacro Cuore di Port Sudan, padre Luigi Cignolini, di Udine, e padre António Manganhe Natal, di Beira (Mozambico), hanno scritto: «La Comboni Secondary

L'obiettivo è di contribuire a finanziare l'apertura di un laboratorio di computer nella Scuola secondaria "Daniele Comboni" di Port Sudan (Sudan), gestita dai missionari comboniani, presenti nella città dal 1905.

I due comboniani responsabili della parrocchia del Sacro Cuore di Port Sudan, padre Luigi Cignolini, di Udine, e padre António Manganhe Natal, di Beira (Mozambico), hanno scritto: «La Comboni Secondary School di Port Sudan è mista, multirazziale e pluriconfessionale nel contesto islamico del nord Sudan. Da sempre sotto la responsabilità dei comboniani, è divenuta negli anni parte integrante della città e del suo sviluppo.

La maggior parte di coloro che oggi hanno un ruolo di responsabilità sociale in quest'area del paese hanno studiato qui. Oggi la scuola ha 750 studenti. Il livello scolastico è buono e ci si sforza di mantenerlo e migliorarlo.


Da anni la computeristica (computer science) è materia d'insegnamento, ma finora ci siamo dovuti accontentare della teoria. Gli studenti e le loro famiglie chiedono che ci si modernizzi con l'apertura di un vero e proprio laboratorio di computer per facilitare il futuro inserimento dei ragazzi e delle ragazze nel mondo del lavoro. Se ci fossero i mezzi, non chiederemmo di meglio».